Testimonianze

Come sono ridiventato cristiano

come-sono-ridiventato-cristiano.jpgIntellettuale di sinistra, laico, già ateo convinto, Jean-Claude Guillebaud racconta in queste pagine il suo viaggio di ritorno al cristianesimo.

Non è dunque un testo di spiritualità classica o di formazione spirituale quello che proponiamo ma più che altro un testo-testimonianza.
Un percorso di un fratello che ha cercato e cerca, con la forza della ragione, la profonda "pertinenza del messaggio cristiano" nell'esistenza.

Insoddisfatto della narrazione solo «orizzontale» e cronachistica dei fatti cui era costretto dal suo mestiere di giornalista, Guillebaud sente la necessità di ritrovare una chiave di lettura più autentica per comprendere la dimensione «verticale» della storia e dell'uomo: «Per me era arrivato il tempo di deporre i bagagli. Il bisogno di leggere, di riflettere nel modo giusto, si sostituiva a quello di osservare e render conto».

La sua testimonianza è insieme personale e paradigmatica: attraverso l'analisi delle esperienze vissute in momenti e in luoghi cruciali del nostro tempo (dalla guerra del Vietnam al '68, dalla crisi senza fine del Medio Oriente fino all'11 settembre) e il confronto con il pensiero di autori quali Girard, Morin, Ellul e Serres, Guillebaud riscopre la centralità e l'attualità del pensiero cristiano, il suo ruolo fondatore per la cultura dell'Occidente. «Messianismo giudaico, speranza cristiana, progresso dei Lumi: non riesco a impedirmi di scorgervi una filiazione che definisce l'intera storia occidentale. Significa che continuiamo a essere responsabili del divenire del mondo, che "un altro mondo è possibile", come dicono oggi gli altermondialisti».

La sua «conversione» è dunque in primo luogo una scelta razionale, che nasce da una forte presa di coscienza di quelle che sono le radici della nostra civiltà e della terribile lezione che le ideologie del '900 ci hanno consegnato. In un'Europa «scristianizzata», stretta fra un fondamentalismo religioso che assume spesso i tratti del fanatismo islamico, un relativismo cinico e un edonismo disperato, il libro di Jean-Claude Guillebaud rappresenta un contributo prezioso alla riflessione sul rapporto fra fede e ragione, quel binomio che Benedetto XVI ha posto al centro del suo pensiero teologico.


Il testo dunque non è "normativo" o apologetico ma svolge un tassello interessante nella persona che, cercando la verità con l'uso onesto della ragione, giunge a cogliere l'essenza del cristianesimo e a capire le sue radici umane, culturali e trascendenti.

Edito da Lindau

è acquistabile online anche qui


JEAN-CLAUDE GUILLEBAUD (Algeri, 1944),
già giornalista di «Le Monde», è stato direttore editoriale della casa editrice Seuil. Tra i numerosi libri pubblicati ricordiamo La trahison des Lumières (Premio Jean-Jacques Rousseau), Le principe d'humanité e La refondation du monde.

Venerdì della XIX settimana delle ferie del Tempo Ordinario

S. Maksymilian Maria Kolbe, O.F.M. Conv. martire († 1941)

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.