Rassegna stampa Speciali

Il Papa tra gli ebrei slovacchi: la blasfemia peggiore è usare il nome di Dio per atti disumani

Francesco “pellegrino” in Piazza Rybné námestie, dove sorge il memoriale che ricorda gli oltre 105 mila ebrei sterminati durante la Shoah. Nel suo discorso, il grido di dolore per gli orrori compiuti dai totalitarismi: “Impegniamoci perché non venga profanata l’immagine di Dio nella creatura umana”. Poi l'appello contro ogni forma di "antisemitismo" e l’auspicio: “In mezzo a tanta discordia che inquina il mondo, siate sempre testimoni di pace”.
Leggi su Vaticannews.va

 

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.