Newsletter ilcattolico.it

 
contact
La nostra newsletter ti consente di ricevere settimanalmente i nostri principali rilanci stampa,
le catechesi e tutti i momenti formativi e le campagne del sito.

Iscriviti, ti aspettiamo, clicca il link qui sotto per accedere alla pagina.

“Numeri record sono stati registrati in occasione della beatificazione di Carlo Acutis ad Assisi”. Lo rende noto oggi la diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino. Nelle settimane dal 1° al 19 ottobre al santuario della Spogliazione sono transitate più di 41.410 persone, con una media giornaliera di 2.179 persone, regolate negli accessi attraverso le transenne e il lavoro di forze dell’ordine e volontari e controllate tutte con termoscanner. 
Leggi su Agenzia Sir


 
Il vescovo di Prato Giovanni Nerbini ha chiesto alle parrocchie di valutare attentamente la possibilità e l’opportunità di rimandare le attività di catechismo in presenza. 
Leggi su www.toscanaoggi.it


 
Non è un momento semplice per la maggioranza. Le dichiarazioni di Conte sul Mes lasciano a Zingaretti una scelta difficile
Leggi su www.ilsussidiario.net


 
Ieri l’infettivologo Carlo Urbani, il primo ad aver individuato sul campo il virus della SARS e morto purtroppo per aver contratto la malattia, avrebbe compiuto 64 anni; è stato presidente di Medici Senza Frontiere Italia che nel 1999 ebbe il Premio Nobel per la Pace nel 1999: “Il premio non è per noi ma per l’idea che salute e dignità sono indistinguibili nell’essere umano, che è l’impegno a restare vicini alle vittime, a tutelarne i loro diritti, lontani da ogni frontiera di discriminazione e divisione, che ha avuto un Nobel per la Pace”.
Leggi su Korazym.org


 

VITTORIE E PROPOSTE

di Mario Adinolfi Il rinvio della discussione del ddl Zan è una prima importante vittoria. Questo Paese ha altre emergenze. La prima è il sostegno alla famiglia, che sta tenendo in piedi il tessuto sociale dell’Italia che altrimenti sarebbe andato in mille pezzi. I bisogni di giovani, anziani, disoccupati, innocupati, commercianti, artigiani, disabili, professionisti in crisi trovano come unica vera risposta la rete della solidarietà familiare.
 
Con la partecipazione di Papa Francesco, nel pomeriggio di martedì 20 ottobre Roma diventerà la “capitale della pace” per l’incontro internazionale «Nessuno si salva da solo - Fraternità e Pace», il trentaquattresimo promosso dalla Comunità di Sant’Egidio sulla scia dello “spirito di Assisi” nato con la storica giornata del 27 ottobre 1986 voluta da san Giovanni Paolo II.
 
L'udienza di Francesco agli uomini e alle donne dell'Arma che prestano servizio nella zona del Vaticano: vi vedo ogni mattina dalla finestra, "vi saluto con il cuore e vi ringrazio", siate attenti soprattutto agli anziani e ai disagiati.
Leggi su Vaticannews.va


 
La versione integrale dell’intervista con il presidente della Cei pubblicata oggi sull’edizione cartacea de La Stampa. «Giusto cancellare i decreti Salvini. Vorrei poter alleggerire il dolore provato dal Papa per gli scandali vaticani».
Leggi su www.ilsecoloxix.it


 
Un aiuto del Papa agli immigrati di Rosarno e a tutti i poveri della Piana di Gioia Tauro. Lo ha portato ieri l’Elemosiniere di Papa Francesco, cardinale Konrad Krajewski.
Leggi su Avvenire.it


 
Non troviamo parole, non possiamo arrivare al dolore degli altri
Leggi su www.askanews.it


 
“Lo Stato italiano dichiara con proprio atto ufficiale il costo minimo per studente per i singoli livelli scolastici (infanzia 5.278 euro, scuola primaria 5.704 euro, scuola secondaria di I grado 6.348 euro e scuola secondaria di II grado 6.694 euro). Per le scuole paritarie che chiedono una retta ‘simbolica’ inferiore a questi parametri, si è innescato un processo di indebitamento che, quando non controllato, ha portato al collasso e alla chiusura moltissime realtà”. Lo afferma suor Anna Monia Alfieri, religiosa delle Marcelline e membro della Consulta di pastorale scolastica e del Consiglio nazionale scuola della Cei, intervenendo sulla questione scolastica e specificando che per ogni alunno che frequenta la scuola paritaria lo Stato riconosce solo 752 euro. 
Leggi su Agenzia Sir


 

ORDINANZA ALUNNI FRAGILI

O.M. 134/2020
Su richiesta espressa della famiglia, gli studenti con patologie gravi o immunodepressi, la cui condizione, valutata e certificata dal medico di famiglia (o pediatra) in raccordo con il Dipartimento di Prevenzione territoriale, comporti, sempre in relazione a quanto dichiarato nella certificazione, l’impossibilità di fruire le lezioni in presenza, possono beneficiare di forme di DDI ovvero di “ulteriori modalità di percorsi di istruzione integrativi”, che vengono predisposti, con il supporto del contingente di personale docente disponibile e senza nuovi e maggiori oneri per la finanza pubblica.  
 
Al termine dell’udienza papale concessa da Papa Francesco alla città di Ravenna, sabato 10 ottobre, il Santo Padre ha annunciato con sorpresa la preparazione di un documento pontificio su Dante, entro la fine del VII centenario dalla morte del Sommo Poeta. Un documento importante per la figura di Dante e per la città di Ravenna. La notizia conferisce ancor più valenza all’udienza, visita già definita “storica”, per Ravenna, l’incontro della città con Papa Bergoglio nel nome di Dante, proprio in occasione del VII centenario. Una data, quella del 10 ottobre 2020, che rimarrà nella storia della città e ovviamente scolpita nella memoria dei presenti.
Leggi su www.ravennanotizie.it


 
Circa 3.000 persone sono accorse ad Assisi da molte parti del mondo per la beatificazione del quindicenne. La fama di santità di Carlo infatti, nel breve tempo trascorso dalla sua prematura scomparsa causata da una leucemia fulminante, è arrivata ai quattro angoli della terra.
Leggi su Agenzia Sir


 
Quando una famiglia con figli disabili si trova a valutare la possibilità di iscrizione ad una scuola paritaria, con molta facilità può andare incontro a una serie di discriminazioni. Il rischio è una violazione del diritto all’istruzione, all’inclusione e alla libertà educativa. Un dramma silenzioso che molti genitori si portano dietro da anni e che, ciononostante, ha sempre trovato pochissimo spazio sui giornali e nel dibattito quotidiano. Da dove nasce tale ingiustizia? Alla base, c’è la solita spending review, che non risparmia il settore scolastico e di cui a fare le spese sono in primo luogo gli alunni più fragili.
Continua su ProVita