Pur di apparire

Leggiamo una intervista al "teologo" Vito Mancuso fatta da Luigi Accattoli sul Corriere online, disponibile qui.
Sulla sostanza della sentenza e sulla chiara ed inequivocabile posizione della quasi totalità del mondo cattolico e del magistero non torniamo sopra in quanto è chiaro a tutti che la sentenza si pone come una chiara posizione eutanasica con un evidente relativismo etico di fondo sul concetto di persona, della libertà e dell'autodeterminazione.
Quello di Eluana è omicidio legittimato da una pilatesca sentenza che si fa guidare da emotività e dal degrado morale e relativistico presente un po ovunque.

Ma tornando al titolo di questo appunto ci colpiscono tre cose:

- la prima che Vito Mancuso si definisca cattolico quando in sostanza si muove spesso su posizioni di dissenso usando il mezzo televisivo e non i canali leggittimi della comunità ecclesiale e del confronto (ammesso che ce ne sia bisogno) con i pastori. Curioso che inviti la gerarchia ad essere prudente e a non "alzare la voce" quando lui fa di tutto per mancare di prudenza, di senso di appartenenza ecclesiale e "pacatamente" (?) in maniera sibillina "alza e potenzia" la sua voce apparendo in contesti che generano confusione etica o gossip da salotto come le trasmissioni di Gad Lerner. Pur di apparire.

- in secondo luogo, se non ricordiamo male, ci pare che Beppino Englaro sia passato anni fa dal Maurizio Costanzo show. Allora però, se non ricordiamo male, non fondava la sua "battaglia" sostanzialmente sulle "presunte volontà di Eluana" ma, anche, alla sua situazione "disumana" di sofferenza. Spostato il vento del relativsmo nell'auto-determinazione selvaggia, spostato il comune sentire sul delirio di onnipotenza delle proprie volontà ha cavalcato questa pista. Magari consigliato dai soliti guru del relativismo.
Se dunque il nostro ricordo è preciso, si ricordi la differenza degli accenti della propria battaglia iniziale e si ricordi che tutto ha avuto inizio nel capolavoro del relativismo che sono le trasmissioni mediaset di Costanzo e company che hanno dato alla vicenda una prima amplificazione.
Una strategia sulle corde non solo di un dolore reale (innegabile e indicibile, su cui sicuramente Beppino Englaro vive la sua unica e personale esperienza) ma anche di una emotività strumentale passata da:
 massima visibilità - successiva legittimazione legislativa (e quindi con parvenza di oggettività) su un problema personale - richiesta attuale di discrezione e di silenzio.
In sostanza nessun servizio vero ad Eluana e a tutti quelli che come lei vivono la stessa condizione.
Un rapporto quasi simbiotico costruito tra i propagatori dell'ideologia auto-deterministica ed eutanasica e Beppino Englaro.
Non si sa bene chi ha usato chi, per ottenere i propri scopi.

- in terzo luogo siamo spiaciuti che un giornalista cattolico come Luigi Accattoli si presti, con la scusa della neutralità, a dare voce a Vito Mancuso e a perpetuare il finto criterio del dibattitto che conferma il relativismo etico presente. Il Corriere, da qualche anno a questa parte, sui problemi di tipo etico è un susseguirsi di posizioni e di smentite, di affermazioni e di contrari. Non ci si dimentichi la massiccia campagna a favore del Referendum della legge 40 di questo curioso giornale. Una direzione a dir poco opportunista.
Sappiamo che bisogna lavorare e bisogna mangiare... ma meglio cambiare mestiere che prestarsi ai giochetti relativistici, gossippari e talvolta sondaggistici di certa stampa. Certo lavoro non è più neutro ma connivenza con orientamenti che non fanno bene alla Chiesa e soprattutto non fanno bene all'uomo, anche se hanno il paravento di essere giornalistici.

Paul

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.