Gli amici scrivono

Un dialogo su San Giuseppe

Giuseppe meditaGiuseppe Valente & Paul Freeman

Un dialogo tra amici nella Solennità di San Giuseppe

 

Paul: "Caro Giuseppe, buona Festa di un Santo grandissimo, patrono di noi tutti, San Giuseppe. Lui sì che se ne intendeva di donne.”.

Giuseppe: “Ma infatti Paul, San Giuseppe ha "avuto" la Donna Madonna che Dante sognava solamente, come un poveruomo.”.

Paul: "Sì, Giusè, però ora è anche un po' la "mia donna", e anche la tua. Pensa un po' che uomo pieno: che la sua donna tra le donne, fosse anche un po' nostra. C'hai un patrono da timore e tremore!".

Giuseppe: “Giusto, Paul, caspita! E pure Suo Figlio è di tutti noi, e noi siamo tutti Suoi, mo’ che mi c'hai fatto pensare. Davvero un grande! Credo abbia un record imbattibile.".