Rassegna stampa formazione e catechesi

PRIMOGENITA NEL PRIMOGENITO

AssumptionC’è una sorta di maschilismo becero che cosifica la donna pensando ad essa come ad un oggetto "per il piacere”, sotto varie forme.

C’è anche un maschilismo più raffinato che “venera” il femminile ed il suo unicum ponendolo su un piedistallo, magari eccelso, ma facendone comunque un feticcio.
Accade talvolta nella devozione che capitola nel devozionismo mariano.

 

Questo risponde sempre al desiderio di cosificare ed oggettivare e ben si sposa, da altra parte, talvolta con il desiderio della donna di essere fotografa del tutto, capace di tutto, divisa nel multi-ruolo esistenziale, maschile e femminile, maniaca del controllo e delle situazioni, nel modo totalizzante che la rende una “super-donna”, meglio una “oltre-donna”, Überfrau.
Più di un uomo, più di una donna, un “tutto” delirante che sacralizza il suo esser-ci e il suo scegliere.
Il potere, una Gezabele, biblicamente parlando.

I frutti di questo modo di pensare lo vediamo nelle derive abortiste, sia di chi vende che di chi compra il terribile prodotto della negazione della vita e nella negazione del maschio. Inasprendo, tra l'altro, l’incomprensione nell’umanità tra l’uomo e la donna.

Maria non era così e per Maria non è così.
Queste visioni degradate non sono il pensiero di Dio ma deformazione del nemico. Che "frammentizza" l'uomo e al donan dal di dentro.

Maria è tutta polarizzata nel Signore. Lei, per noi, non è preziosa solo in quanto donna (e che donna!) ma in quanto vetta dell’umanità cristificata.
In tale senso lei è la Primogenita nel Primogenito ed è l’ultimo-genita in Colui che è anche compimento.

Lei è bella perché è culmine di quello che l’umanità può essere vista da secoli eterni dall’Amore di Dio, Uno e Trino.

La Festa di oggi dunque è compimento e necessità dell’Annunciazione perché è festa dell’Incarnazione, da quel momento e da quel sì! di Maria noi siamo più compiutamente inseriti nella vita divina e la Festa di oggi ci rende sempre più vicini con la nostra umanità al Cielo.

Ed abbiamo Lei che è pienamente rappresentante dell’umanità e della Chiesa ed è presente per orientare e ri-orientare, sempre e in ogni situazione, il nostro sguardo a Cristo, unico Signore, Salvatore e Redentore.

Anche noi, con Lei, possiamo comporre il nostro Magnificat cercando, sempre con Lei (e con Giuseppe), l’ultimo posto, la Diakonia che tutto sostiene

PiEffe

Sant'Andrea, apostolo, festa

S. Andrea Apostolo (festa)

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.