Rassegna stampa formazione e catechesi

La domanda che dovrebbe assillarci non è perché si muore, ma perché si vive

ContuLa suddetta questione è presente in filigrana in tutto il romanzo "La tigna" di Roberto Contu " (Castelvecchi, Roma 2021).
«Il viale era intasato di traffico, di ragazze e ragazzi, di mani che mischiavano isteriche l’aria, di profumo di diari appena usciti dalle cartolerie e puzza di Marlboro light nascoste tra i pugni. Si chiudevano finalmente gli sportelli sulle prediche non finite dei genitori, iniziava un altro anno».
È il 15 settembre 1999, il primo giorno di scuola all’istituto tecnico commerciale Vincenzo Danti di Perugia, quando Benedetta Ferri, studentessa del quinto anno, scopre di essere incinta di Francesco Mazzoli e decide di abortire. La notizia, che il loro migliore amico Luca non riesce a tenere per sé, sarà pietra d’inciampo per tutti quelli che li circondano: l’insegnante di religione don Andrea, la preside Valentini, il nuovo professore di italiano Renato Contro; metterà sotto processo le rispettive ricerche di un senso, e svelerà che – scandalo a dirsi – la domanda che dovrebbe assillarci non è perché si muore, ma perché si vive.
 
ROBERTO CONTU, insegnante, si occupa e scrive di letteratura italiana, didattica della letteratura, mondo della scuola. Ha pubblicato con Aguaplano "Anni di piombo, penne di latta (1963-1980). Gli scrittori dentro gli anni complicati" nel 2015 e "Insegnanti. Il più e il meglio" nel 2019, con Castelvecchi il romanzo "Il Vangelo secondo il ragazzo nel 2017".

San Mattia apostolo, festa

S. Mattia, apostolo e martire (festa)

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.