Rassegna stampa formazione e catechesi

Patti lateranensi: Pio XI prima di Mussolini

006. Pio X folla attende in Piazza San PietroA cura di P. Pietro Messa, ofm

Al centro della facciata della Basilica di San Pietro in Roma vi è la loggia delle benedizioni da cui il papa si affaccia per la benedizione Urbi et Orbi, ossia alla Città e al Mondo (immagine 1). Tale loggia è duble face, ossia si affaccia sia all’esterno sulla piazza (immagine 2) che all’interno nella basilica (immagine 5). Naturalmente nei momenti solenni, anche a motivo della folla, era verso la piazza che si affacciava il pontefice soprattutto in occasione delle solenni benedizioni.

Così fece anche Pio IX fino al settembre 1870 (immagine 4), ossia quando con la presa di Roma la città fu invasa dal Regno d’Italia e il papa si ritirò in Vaticano. Pio IX libero in prigione di libero Regno SavoiaDa quel momento in poi i pontefici non si affacciarono più all’esterno come ulteriore segno di protesta verso chi gli tolse assieme al potere temporale la libertà. Infatti il papa reclamava "libera Chiesa e libero Stato" cogliendo l’ambiguità della famosa espressione “libera Chiesa in libero Stato”, come mostra la vignetta che rappresenta il papa libero nella gabbia chiusa dal lucchetto con il simbolo dei Savoia. Eclatante era il momento dell’elezione in cui l’annuncio del nuovo papa veniva dato sì all’esterno (immagine 7) ma successivamente la gente dalla piazza si riversava velocemente in basilica (immagine 8) per ricevere la prima benedizione dell’eletto che si affacciava solo all’interno (immagine 9). Questo avvenne per l’elezione di Laone XIII, Pio X e Benedetto XV, ma non per Pio XI che il 6 febbraio 1922, appena eletto, per propria volontà volle affacciarsi per la solenne prima benedizione dalla loggia esterna, ossia verso la piazza e la città di Roma (immagine 10). Con tale semplice gesto, in cui però la forma è sostanza, egli volle affermare la volontà di risolvere la questione romana. I mesi successivi per l’Italia furono molto turbolenti tanto che ad ottobre vi fu la marcia su Roma che segnò l’inizio del potere di Mussolini. L’auspicio espresso già nel febbraio 1922 da Pio XI di risolvere la questione romana troverà compimento l’11 febbraio 1929 con la firma dei Patti lateranensi.


Segue gallery






Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.