Rassegna stampa etica

Dilettanti e pivelli sulla vita

amore in famigliaRachele Sagramoso - Facebook

Dilettanti. Pivelli.
Avrebbero potuto impegnarsi un po' di più, ma d'altronde si sa che il mestiere del marketing non è di facile acquisizione. Proviamo a ripeterlo insieme: i farmaci vanno venduti. E come si fa per vendere dei farmaci?

Esatto! S'inventano i problemi!

 

Primo fatto: i maschi hanno il pene che serve - so che spiace dirlo - per fecondare le femmine attraverso gli spermatozoi. Le femmine - so che è duro accettarlo - possiedono una vagina e un utero. La prima accoglie il pene, il secondo accoglie i sovracitati spermatozoi. Dentro l'utero c'è l'ovocita che viene fecondato. Con un po' di fortuna, un ovocita fecondato diventa un bambino. Nella parte superiore del corpo della donna, alloggiano oggetti morbidosi che producono nutrimento per il bambino sino a che questi non si nutre di rigatoni al pesto.
Sì, lo so che queste cose si sanno, ma talvolta è meglio ripetere.
Secondo fatto: negli organi suddetti ci soggiornano tanti batteri e tanti virus. Alcuni vanno e vengono, altri stanno lì e covano schifezze brutte brutte. Tante di queste fanno proprio male a tutto il corpo. Tali schifezze si trasmettono se i due organi sovramenzionati vengono a contatto. Per evitare che si sviluppino malattie e infezioni brutte brutte, basta conoscere queste informazioni e basta comprendere che entrare in contatto "a casaccio" trasmette malattie e mette a rischio la salute psicofisica della persona.

making loveOra: io spero che fino a qui tutto sia chiaro. Ho allegato disegnini semplici, chissà mai che ci sia qualche confusione.

Ordunque: la natura ha voluto che per fare un cucciolo, la proprietaria dell'utero e il proprietario del pene si divertano. Guarda caso, l'ormone che gestisce tutto questo è il medesimo: l'ossitocina - così si chiama il furbacchione - è un messaggero di felicità, di connessione, di amore. L'amore è un sentimento potente che serve perchè un uomo e una donna non solo siano attratti una dall'altra, ma perchè si leghino strettamente uno con l'altra. Perchè uomo e donna debbono legarsi? La risposta è più semplice di quanto sembra: per formare una famiglia. E, in seno a questa famiglia, possano nascere bambini.
Mi si potrebbe obiettare che tutto questo non è scientifico o che sia solo culturale: e io rispondo che no, è tutto inesorabilmente scientifico. E lo motivo.
L'ossitocina, un ormone furbacchione che serve perchè mamma - nonostante mettere al mondo un fantolino non sia una passeggiata - si innamori del proprio bambino e le piaccia dargli la poppa e fargli le coccole (quelle servono al bambino per crescere e diventare grande e felice), è lo stesso che serve alle persone per aver voglia di farsi le coccole. Attenzione però: quando due persone, maschio e femmina, si coccolano, l'ossitocina - questa furbacchiona - crea un legame che rende quel gesto non una qualsiasi azione che il corpo può mettere in atto, ma un vero e proprio nastro che collegherà a lungo queste due persone. La natura è stata proprio furba e astuta: "Come fare perché una donna e un uomo facciano un bebé? - pare essersi chiesta Madre Natura - Semplice: facciamo sì che l'ormone dell'amore li leghi e che sia bello stare insieme".
Questo è ciò che deve aver pensato l'astuta vecchietta quando ha progettato l'ossitocina, l'ormone dell'amore, della connessione, dei legami.

Ora: alcuni bontemponi piuttosto scellerati, invece che insegnare a donne e uomini che ci sono dei segnali per capire che la donna è fertile e che - se in quel momento non lo desiderano - è possibile evitare l'arrivo di un bambino, hanno diffuso alcuni messaggi interessanti, tutti antiscientifici e, soprattutto, negativi.

fecondazione 11) "Per evitare bambini, prendete dei farmaci". Chiunque ascolti un messaggio del genere e possieda sale in zucca, penserebbe alla fregatura: "Ma come? Io sono sano e bello come un fiore e devo curarmi qualcosa che non ho quando basta che io, semplicemente, abbia rispetto della natura e di me stesso tenendomi addosso le mutande?". Può sembrare strano all'orecchio della persona acuta, ma invece questo enorme inganno sul fatto che si debba curare qualcosa che va bene che ci sia, ha preso la mano. E soprattutto i quattrini. Tanti bei soldoni nelle tasche di chi elabora farmaci inutili per malattie inesistenti... esatto: un po' il Gatto e la Volpe.


2) "Siccome fare quella cosa lì è ganzo e diverte, fatelo il più possibile: divertitevi!".

Bisogna proprio credere di avere a che fare con dei gonzi, per non capire che c'è il trappolone furbacchione! Se fare quella cosa lì trasmette un mucchio alto così di malattie tra le persone, perchè uno dovebbe rovinarsi deliberatamente? Le bolle sul pene e le infezioni nella vagina non sono così piacevoli...
Non ci vuole certo un genio per capire che sia una scempiaggine piuttosto grossa: Lucignolo, infatti, fa il furbo, ma le orecchie e la coda d'asino spuntano anche a lui... E infatti sono oramai tante le persone che si saranno pure divertite - non lo mettiamo in dubbio - ma hanno carrellate di batteri e virus schifosi e puzzolenti che, tra l'altro, possono anche impedire il fatto che una donna possa mettere al mondo bambini quando li vuole (cioè una donna sana divenga malata, in sostanza).
vita nuovaOvviamente, siccome distratti sì, ma scemi anche no, qualcuno ha fatto presente che tutte queste brutte malattie stanno un po' preoccupando tutti. Allora alcuni astuti volponi, quelli che inventano i farmaci per curare i sani, non si fanno prendere dallo sgomento e dicono: "Non preoccupatevi! Incellofanatevi per bene il pene (che fa rima) e tutto scomparirà"... evidentemente non hanno fatto i conti per bene, perchè quando insegni alle persone che facendo una cosa ci si diverte, le persone col cavolo che smettono di farla! E, inoltre, non essendoci più una regolamentazione (magari quella di fare quella cosa lì con una persona con la quale vi è un legame ben preciso) la gente va a casaccio. Soprattutto - ovviamente - i giovani... I cavalli scappano facilmente e siccome le figuracce non possono essere fatte da chi studia decenni per trovare il modo di inventarsi cure per malattie inesistenti, allora la strategia passa al punto 3.

3) "Ci siamo sbagliati: fare quella cosa lì è divertente ma rischiosissima per alcuni motivi: il primo è che una volta disimparato a distinguere i giorni più fertili di una donna, questa rimanga incinta senza manco sapere il perché; il secondo è che - nonostante i cellophane tutti colorati e fighi - le malattie stanno distruggendo i giovani: è necessario correre ai ripari mantenendo alte le vendite". La soluzione al primo problema è semplicissima: inventare farmaci per curare la cosa più naturale del mondo. Quella che è più semplice della fertilità. I bambini. O meglio, le gravidanze. Se da una parte diciamo che la gravidanza (quella però cercata e programmata) è fisiologica, dall'altra (quella non cercata e non programmata) è una malattia. Sì, è bestiale e anche un po' cretino, ma purtroppo si sa che le reclame giuste sono quelle dei prodotti inventati (presente il bicarbonato, l'aceto e il dannosissimo viacal?). Allora da una parte si diffonde il messaggio che i bambini sono belli, buoni, puffolosi e petalosi e che dobbiamo rispettarli e che è meglio farne pochissimi ma amatissimi nel momento in cui la donna può farli, chissà mai che poi le donne disimparino a fare le mamme a furia di sopprimere l'istinto materno e comincino a uccidere i bambini che magari piagnucolano. Dall'altra consegnamo alle donne il messaggio che disfarsi di un bambino (che non si può chiamare così altrimenti si capisce la fregatura, facciamo grumo di cellule che fa più robetta sudicia e ingombrante) non è un problema e che basta ... una medicina (tengono famiglia pure le case farmaceutiche, eh...) per evitare spiacevoli interruzioni del lavoro. Inoltre,giusto per dare aria ai denti, si accusa chi chiama ancora i grumi di cellule col nome scientifico di bambini, di fare del male alle povere donne che hanno diritto alla loro libertà, accusandolo di avvertire che usare varie tecniche per eliminare un bambino in pancia non sia granché salutare: cosa falsa e da persone cattivone cattivone (ogni tanto è meglio usare la parola patriarcale che fa tanto anni'60-woodstock-fiori e caramelle).nascita

Ora, bisogna proprio essere persone distratte e un po' sciocchine per non capire che c'è la fregatura dietro: prima giungono messaggi che dicono che si può fare tutto quello che si vuole, poi arrivano rettifiche qua e là, in modo un po' nascosto, nelle quali c'è scritto che insomma, fare quello che si vuole con pene e vagina è un po' rischiosetto... Poi però si dice che "Calma, ci pensiamo noi! Gli scienziati! Quelli delle società scientifiche scientificamente provate con la scienza!" che producono farmaci inutili (inutili no, visto che fanno girare un bel po' di quattrini), elaborano progetti scolastici (meglio affiliarli fin da piccoli tanto basta un buon filmetto porno e vedrai come schizzano su gli ormoni) e la si chiama "pianificazione familiare" un mezzo tramite il quale si pubblicizzano i prodotti delle ditte sovracitate e si condisce tutto con qualche slogan (dagli anni '60 le capacità del marketing in al senso si sono affinate) sulla salute dei giovani.
Sì lo so: persone intelligenti non ci cascano, ma il Paese dei Balocchi è fatto per ingannare tante persone giovani che possono fare tutto quello che vogliono quando lo vogliono dove lo vogliono... poi chissenefrega se spuntano orecchie d'asino e si comincia a ragliare... affari loro. Avevano a usare il cellophan alla fragola per evitare che le orecchie crescessero!

I giovani, tanti giovani, stanno alzando la testa: l'acquisizione di tutti gli aspetti morali della vita, è fondamentale e arricchisce molto più che star dietro a cretinate del tipo "Prevenire è meglio che cullare" (slogan molto pericoloso perchè inganna sull'istinto di cura che le donne possiedono, facendo credere loro che i bambini siano esseri cattivi che devono nascere quando richiesto e non rompere le scatole con bisogni strani tipo avere due genitori che si amano). Conoscere la fisiologia dovrebbe essere normale e molto semplice. Come sapere cosa sono le malattie brutte brutte e come evitarle gratuitamente: ovvero come prevenirle, non facendole proprio trasmettere.
"Ma così togli il divertimento e la libertà" mi potrebbero dire gli sciocchini, e la mia risposta è sempre la stessa: "E' forse divertimento quello di insegnare ai maschi che svuotarsi lo scroto (mi si perdoni il francesismo) sfruttando il corpo della donna a piacimento senza responsabilità di sorta? E' divertimento quello che afferma che la donna deve liberarsi dalla consapevolezza sulla propria fertilità, dalla conoscenza di quali siano i bisogni di un bambino per comprendere quando si è davvero pronti per affrontare la possibilità che ne nasca uno? Se questo è divertimento, per me è sfruttamento dell'intelligenza dei giovani, della loro bontà, del loro coraggio e della vita che hanno davanti. Lasciateli stare con le vostre medicine per sani e il vosrto silicone. Lasciate che si amino davvero, creandosi una famiglia che è realmente quello di cui hanno bisogno dopo aver subito le decisioni adultescenti dei genitori irresponsabili".

Lasciate stare i giovani.

---

Per informazioni sull'ossitocina: Kerstin Uvnas Moberg, Ossitocina, l'ormone dell'amore. Pagg 112-115
Per informazioni sull'educazione morale ai bambini: Giampaolo Nicolais, Il bambino capovolto. Pagg. 95-127
Per informazioni sull'adolescenza e l'adultescenza: Massimo Ammaniti, La famiglia adolescente.
Per sapere qualcosina di più sulla vera rivoluzione sessuale che i giovani porteranno avanti: https://www.youtube.com/watch?v=zj0L3IIS8mA

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.