Rassegna stampa etica

Avere chiaro il senso del limite e dunque non autodeterminarsi

affetto al malatoSo di non sapere, è certo. Ha ragione Socrate: «È sapiente solo chi sa di non sapere, non chi si illude di sapere e ignora così persino la sua stessa ignoranza». Con l’esperienza si cambia, e non tutte le certezze di ieri lo sono ancora oggi. E meno male.

Continua su Avvenire