Lista rassegna stampa mondo

Pakistan: un’altra donna cristiana arrestata con l’accusa di blasfemia

Nuovo caso di donna cristiana accusata di blasfemia in Pakistan: si tratta di Agnes Nuggo, che è stata arrestata a Faisalabad, nella provincia del Punjab. La notizia è arrivata all’agenzia Fides dalla Chiesa locale che si sta adoperando per il suo rilascio. La donna, 50 anni, sposata con figli e residente nel quartiere cristiano di Waris Pura, è accusata da alcuni vicini di casa musulmani di aver pronunciato ingiurie contro Maometto e contro l’Islam, ma si proclama innocente. Secondo alcune religiose che la conoscono bene, la donna sarebbe caduta in una trappola di qualcuno che voleva vendicarsi di lei dopo che aveva accettato di testimoniare in tribunale per denaro. “La situazione è critica per noi cristiani – racconta il parroco dell’area, padre Pascal Paulus, dominicano – i radicali islamici intendono sfruttare tali casi per attaccare le minoranze cristiane”. “Una nuova Asia Bibi”: così l’ha definita Haroon Barket Masih, della Masihi Foundation, che ha testimoniato come le famiglie di cristiani spesso tacciano per paura di ritorsioni, mentre le istituzioni sono assenti. “Essere donna cristiana in Pakistan è una duplice sfida – ha detto la responsabile della Pakistan Catholic Woman Organization, Rosmary Noel – già la condizione femminile è di per sé esposta a discriminazioni, violenze e sopraffazioni”. Con Agnes arrivano a 16 le donne cristiane arrestate tra il 1987 e il 2011, cui si aggiungono una musulmana e una indù, ma si presume che ci siano molti casi non denunciati. (R.B.)

© www.radiovaticana.org - 22 febbraio 2011