Il PEI, Piano Educativo Individualizzato è nato con una mens giuridica ben precisa, fornire attorno al minore con disabilità una rete adeguata tra famiglia e diverse istituzioni per garantire una crescita armonica al minore, persona con disabilità.
 
Il 2020 sarà ricordato non soltanto per l’epidemia che ha sconvolto l’intero pianeta, ma anche per l’inversione, in piena corsa, di quel processo che, seppur faticosamente, stava cercando di promuovere l’inclusione, in particolare, degli alunni con disabilità, riconosciuti nella loro dignità di persone uniche e irripetibili.
Leggi su www.vita.it


 
La Svizzera ha sbagliato, la donna aveva il diritto di chiedere la carità: questo dice oggi la Corte europea dei diritti umani, contraddicendo le autorità ginevrine che nel 2014 avevano inflitto una multa di 500 franchi a una donna rom che mendicava per le strade di Ginevra e, non potendo la donna pagare la multa, l’aveva incarcerata per 5 giorni. Secondo la Corte, poiché la donna apparteneva a una famiglia estremamente povera, era analfabeta, non aveva lavoro e non riceveva alcun sostegno sociale, “mendicare era per lei un modo per sopravvivere”.
Leggi su Agenzia Sir
 

Tutto il mondo cristiano si sta avvicinando a un grande anniversario. Nel 2025 celebreremo il 1700° anniversario del primo concilio ecumenico nella storia della Chiesa, che ebbe luogo a Nicea nel 325. Questo importante evento fu certamente segnato anche da molti fattori storici. Tra questi, va innanzitutto ricordato che venne convocato da un imperatore, e più precisamente dall’imperatore Costantino. Ciò può essere compreso solo tenendo conto dello sfondo storico, ovvero del fatto che all’epoca era scoppiata una violenta disputa all’interno del mondo cristiano sul modo in cui la professione di fede cristiana in Gesù Cristo quale Figlio di Dio potesse conciliarsi con la fede, ugualmente cristiana, in un unico Dio. 
Leggi su Osservatoreromano.va


 
LEICESTER, United Kingdom – Archbishop Eamon Martin says Ireland’s Catholic Church shouldn’t be scapegoated for the dire conditions in the country’s mother-and-baby homes in the 20th century, noting the homes were commissioned by government authorities.
Leggi su cruxnow.com
 
L’arcivescovo di Tunisi ai nostri microfoni dà voce al disagio che cova sotto le proteste di questi giorni nelle città della Tunisia, i cui protagonisti sono i giovani che, dice, sono il futuro del Paese ma oggi sembrano aver perso ogni speranza. Tra loro e con il popolo c'è la Chiesa che - rivela - vede il suo valore sempre più riconosciuto e apprezzato.
Leggi su Vaticannews.va
 
Resta alta la tensione nel Paese dove proseguono gli scontri tra le forze di sicurezza e la carovana dei migranti honduregni in viaggio verso gli Stati Uniti. “Scappano dalla povertà e hanno fame”: afferma don Giampiero De Nardi, salesiano che si trova nella zona di Petén, vicino l’Honduras.
Leggi su Vaticannews.va
 
In un videomessaggio ai vescovi e al clero diocesano e religioso in Venezuela, il Papa si sofferma sul servizio offerto dalla Chiesa in tempo di pandemia. Ringraziando per quanto fatto, esorta all’amore verso i più disagiati perché "in questo tempo di crisi, si sentano accompagnati, sostenuti, e amati". Infine esorta la Chiesa del Venezuela a restare unita, allontanando la tentazione di "un cuore settario".
Leggi su Vaticannews.va
 
Davanti agli episodi che costringono all’esperienza della mancanza di libertà si sente l’esigenza di una rinnovata forza che spezza le catene. I social più usati sono centri privati di controllo, cerchiamo altri social. “Ora mi trovate lì” si dice.

La panacea è lo spezzare la catena esterna. Come se la struttura esterna fosse garante di libertà interiore.

 
Quesito
Reverendo Padre,
Mi chiedevo: la verginità e la castità di S. Giuseppe sono dogma di fede?
Nel caso dove sono stati formulati?
Grazie
Stefano
 
Due indizi fanno una prova, soprattutto quando sono precisi e concordanti. È il caso di don Maurizio Patriciello, che segue quello relativo al Manuale di bioetica del compianto card. Elio Sgreccia, messo all’indice del libri proibiti da più testate giornalistiche nazionali, in attesa di mandare il suo Autore al rogo post mortem.
Continua sul Centro di Studi Livatino


 
La poesia di lode è un genere ricco di esempi nell’arco dei millenni e sarebbe praticamente impossibile realizzarne una antologia completa. In questa pagina troverete solo alcuni esempi relativi alla poesia novecentesca. In particolare si può notare la ricorrente forma della poesia-catalogo, molto antica, che forse rappresenta la forma pura della lode sin dall’esempio del Cantico delle creature di san Francesco. In queste opere il poeta semplicemente nomina la realtà che si squaderna davanti a lui, elencando in forma di inno le meraviglie contenute nello spettacolo che si offre al suo sguardo contemplativo, “fresco", uno sguardo da primo giorno della creazione, animato dal sentimento della gratitudine e della riconoscenza. Una pagina di prosa saggistica spiega bene la forza della poesia-catalogo, la pagina tratta da «Ortodossia» di Chesterton che commenta una scena del romanzo «Robinson Crusoe».
Leggi su Osservatoreromano.va


 
L’arcivescovo Oscar Rizzato è stato un pastore «discreto» nel servire la Chiesa, ha coltivato «la vita interiore e l’attenzione verso i più deboli, ha svolto con umiltà e dedizione il proprio ministero, in particolare presso la Segreteria di Stato e l’Elemosineria apostolica». Uomo «vigile e garbato, è stato premuroso e lieto anche nella collaborazione pastorale, specialmente nell’amministrazione dei sacramenti dell’iniziazione cristiana». 
Leggi su Osservatoreromano.va
 
Lo scorso 13 gennaio il Papa ha parlato della preghiera di lode. Esistono diversi tipi di preghiera e questo della lode non è il primo che viene in mente perché si associa prevalentemente il tema della preghiera a quello della richiesta, della supplica. Eppure la lode è un elemento essenziale e molto antico della preghiera e Francesco nella scorsa catechesi del mercoledì, si è soffermato con attenzione a spiegarne la natura e la forza. 
Leggi su Osservatoreromano.va
 
Il mondo degli agricoltori e degli allevatori ha «ancora viva e convinta la consapevolezza dell’importanza della famiglia». Lo ha sottolineato il cardinale Angelo Comastri, arciprete della basilica di San Pietro, rivolgendosi ai partecipanti alla messa celebrata all’altare della Cattedra della basilica Vaticana lunedì mattina, 18 gennaio, in occasione della memoria liturgica di sant’Antonio abate. Per rispettare le misure di sicurezza adottate per contrastare la pandemia, quest’anno non ha avuto luogo il tradizionale rito della benedizione degli animali.
Leggi su Osservatoreromano.va
 
Il primate maronita denuncia lo “stato di regressione” in cui è piombato il Libano, dopo cinque mesi di crisi politica. Il governo è “immobile”, la giustizia “esposta a interferenze politiche e confessionali”, l’economia è “paralizzata”. Serve un esecutivo “di salvezza”, formato da personalità di primo piano.
 
Buongiorno da Damasco e dalla Siria sotto sanzioni.
 
Tra i progetti di solidarietà per i bambini del mondo sostenuti dalle offerte della Giornata missionaria dei ragazzi appena celebrata in Italia, c’è la ristrutturazione dell’asilo avviato 25 anni fa, in una zona molto povera dell’Albania, dalle Francescane di Santa Filippa Mareri. La superiora, suor Assunta D’Olimpio: “Il nostro centro missionario è ormai un punto di riferimento per tutti”.
Leggi su Vaticannews.va
 
Tra le conseguenze dell’esplosione al porto del 4 agosto, Tommaso Santini - direttore dell'associazione Pro Terra Sancta - afferma: “Il problema più grande riguarda tutti quei bambini che non vanno più a scuola. E sono più di quelli che ci immaginiamo”.
Leggi su Vaticannews.va
 
Un libro publicado esta semana en Italia en base al análisis de documentos desclasificados del Vaticano muestra "los esfuerzos" del papa Pío XII para ayudar a los judíos perseguidos durante el nazismo, resaltó su autor en diálogo con Télam.
Leggi su www.telam.com.ar


 
«In questi giorni preghiamo concordi affinché si compia il desiderio di Gesù: “Che tutti siano una sola cosa”». Lo ha chiesto Papa Francesco all’Angelus del 17 gennaio, vigilia dell’inizio dell’Ottavario ecumenico. Dopo aver recitato la preghiera mariana — ancora nella Biblioteca privata del Palazzo apostolico vaticano senza la presenza di fedeli a causa del covid-19 — il Pontefice ha ricordato a quanti lo seguivano attraverso i media che «quest’anno il tema si rifà al monito di Gesù: “Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto”» e che «lunedì 25 gennaio concluderemo» la Settimana per l’unità dei cristiani «con la celebrazione dei Vespri nella basilica di San Paolo fuori le Mura, insieme con i rappresentanti delle altre comunità cristiane presenti a Roma», nella certezza, ha concluso, che «l’unità sempre è superiore al conflitto».
Leggi su Osservatoreromano.va
 
L'articolo del cardinale Kurt Koch Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani pubblicato oggi su L'Osservatore Romano in occasione dei 1700 anni dal concilio ecumenico di Nicea: il primo nella storia della Chiesa.
Leggi su Vaticannews.va