Video

Laudar vollio

san-francescoTesto dal "Laudario di Cortona"
manoscritto 91

prima proposta:

Voce e direzione coro: Fra Gennaro Becchimanzi

Flauto dolce: Sara Proietti

Chitarra: Giulio Petrucci

Organo: Stefano Puri

Coro: Coro del Convegno GVA





Testo completo

Laudar vollio per amore
lo primer frate minore.


San Francisco, amor dilecto,
Cristo t’à nel suo cospecto,
perhō ke fosti ben perfecto
e suo diricto servidore.

Tutto el mondo abandonasti,
novell’ordine plantasti,
pace in terra annuntiasti,
como fece el Salvatore!

In tutte cose lo seguisti,
vita d’apostoli facesti,
multa gente convertisti
a ludare el suo gran nome.

Tre ordine plantasti:
li minori in prima vocasti,
e puoi li donni reserasti,
li continenti a perfectione.

Sė fosti pieno de caritade
ke insignavi a l’animali
come dovessaro laudare
lo suo dolze creatore.

Tanto fosti amico a Deo
ke le bestie t’ubidièno:
l’ucielli in mano a te venièno
a udire lo tuo sermone.

Per lo mondo gisti predicando
et sempre pace anuntiando,
fede de Cristo confirmando
et confondendo oni errore.

En Saracinia tu passasti,
senza timore ci predicasti:
lo martirio desiderasti
ferventemente, per ardore.

Martirio esso fa’ per desiderio
(tanto mortificasti a Deo:
nullo male te sapea reo!)
de patire per lo suo nome.

Del suo amore stavi iocundo,
disprezavi tutto ‘l mondo;
dė e nocte andavi a torno
per trovare lo tuo segnore.

Per le selve el gėa carendo;
ad alta voce iva dicendo:
“O sire, sė a te m’arendo
k’io languesco del tuo amore!”

Del suo amore tanto languisti,
en croce e·ll’ari lo vedesti:
culli suoi signi remanisti,
tanto el portasti in core.

Sė prendesti Cristo a l’amo
ke piaghe en te si renovaro:
e·llo tuo corpo si trovaro
sė como l’ebbe el Salvatore.

En vita tua santificasti,
molti miraculi mostrasti
quando del mondo trapasasti,
e in cielo n’aparve grande splendore.

Celi e troni se ne mutaro
per l’alti segni ke in te trovaro,
tutta la corte aparechiaro
per te recevar ad onore.

Cristo culli angeli tutti quanti
et la sua madre colli sancti
vénaro per te con dolzi canti
menartene cum grande honore.

Facesti la corte ralegrare,
dolcissimi versi cantare,
davante a l’alta maiestade
reddendo laude cun amore.