Gender Equality and Gender Ideology: Protecting Women and Girls

holy see permanent observerFrom: https://holyseemission.org/contents//statements/5c9511849e908.php

 

Statement by H.E. Archbishop Bernardito Auza
Apostolic Nuncio, Permanent Observer of the Holy See

At the Side Event entitled
“Gender Equality and Gender Ideology: Protecting Women and Girls”

United Nations, New York, 20 March 2019


 
Your Excellencies, Distinguished Panelists, Dear Friends,

 
I am very happy to welcome you to this morning’s event on gender equality and gender ideology and the need to protect women and girls, which the Holy See is pleased to be sponsoring, together with the Heritage Foundation.
 
Each year the Economic and Social Council hosts the Commission on the Status of Women (CSW) to promote, report on and monitor issues relating to the political, economic, civil, social and educational rights of women. When the CSW first began meeting in 1947 in Lake Success, New York, there was a clear understanding of what it meant to be a woman. Even though over the course of the subsequent 62 years, there have been various debates among women from different continents and backgrounds over the goals and rights of women and the best means to achieve them, everyone knew to whom they were referring when they spoke, for example, about gender equality, violence against women, girls’ education, or equal pay for equal work. Even as recently as 2011, when the United Nations Entity for Gender Equality and the Empowerment of Women, also known as UN Women, was founded, everyone knew whom it was representing and whose cause it was seeking to advance: the approximately half of the human race born with the capacity for motherhood, with two X chromosomes, with particular physical, hormonal, and relational traits that distinguish them from the approximate other half of the human race, men.
 
That consensus has unfortunately been getting eroded due to the recent phenomenon of gender identity and gender ideology. Whereas before everyone knew what “woman” meant based on her bodily nature, now many proponents of gender ideology assert that bodily nature has nothing intrinsically to do with womanhood beyond how sex is “assigned” at birth. Womanhood, rather, is looked at as the way one thinks about oneself, or expresses oneself, and therefore, they argue, those who consider themselves women must be treated as women, regardless of biological nature at the cellular, endocrinological or reproductive levels, regardless of primary and secondary sexual characteristics, or other factors.
 
This way of looking at womanhood primarily as a self-identity independent of bodily considerations was raised at the beginning of this 63rd Session of the Commission on the Status of Women in the statement given by the LGBTI Core Group, delivered by the Permanent Representative of Norway, Ambassador Mona Juul. The Statement said that the LGBTI Core Group — an informal cross regional group of 28 Member States together with the UN High Commissioner for Human Rights, and the NGOs Human Rights Watch and Outright Action International — spoke explicitly about “transgender persons” whose “names and sex details in official documents do not match their gender identity or expression.” It said it “stands ready to work with all partners to ensure that all women and girls — no matter their sexual orientation, gender identity, gender expression and sex characteristics — have adequate and equal access to social protection systems, public services and sustainable infrastructure.”
 
The LGBTI Core Group was saying that the understanding of “women and girls” should be based on “gender identity or expression” rather than on their biological sex. This understanding of womanhood would likely have astonished the 15 original members of the CSW in 1947 and most of the delegates who have represented their governments and NGOs here each year since.
 
Whereas 62 years ago, it was not necessary to ask the important preliminary question, “What is woman?,” because everyone everywhere had a clear and univocal understanding of what this meant, now, when that understanding is being challenged and many are seeking to stipulate a fundamental change in its meaning, the international community must ask it.
 
The reason is because so much depends on the answer, not only in terms of law, education, economy, health, safety, sports, language and culture, as we will hear about today from our speakers — Mary Hasson, Emilie Kao, Monique Robles and Ryan Anderson — but also in terms of basic anthropology, human dignity, human rights, marriage and family, motherhood and fatherhood, and the cause of women, men, and especially children. To substitute gender identity or expression for biological sex has enormous ramifications in all of these areas and for that reason we must, with courtesy and compassion, ask the perhaps uncomfortable questions because the answers matter.
 
Pope Francis, while emphatically encouraging Catholics and all people of good will to support, welcome, accompany and love all those whose gender identity does not match their biological sex, to affirm their human dignity and defend their fundamental human rights to be free of violence and unjust discrimination (October 2, 2016), at the same time has been very clear about the dangers to individuals and society flowing from gender ideology.
 
He says that the anthropological underpinnings of gender ideology, by denying the “difference and reciprocity in nature of a man and a woman,” by promoting a “personal identity and emotional intimacy radically separated from the biological difference between male and female,” ultimately makes human identity “the choice of the individual” and undermines the “anthropological basis for the family.” It is “one thing to be understanding of human weakness and the complexities of life,” he continues, “and another to accept ideologies that attempt to sunder what are inseparable aspects of reality.” We are called, he emphasized, “to protect our humanity, and this means, in the first place, accepting it and respecting it as it was created” (Amoris Laetitia, 56). Our sex, just like our genes, our race, our age, and other natural characteristics, are objective givens, not subjective choices.
 
In his encyclical on Care for our Common Home, Laudato Sì’, which has become perhaps the most commonly cited papal document in U.N. history since its 2015 release in anticipation of the Paris Agreement, he said, “Acceptance of our bodies … is vital for welcoming and accepting the entire world as a gift, … whereas thinking that we enjoy absolute power over our own bodies turns, often subtly, into thinking that we enjoy absolute power over creation. Learning to accept our body, to care for it and to respect its fullest meaning, is an essential element of any genuine human ecology. Moreover, valuing one’s own body in its femininity or masculinity is necessary if I am going to be able to recognize myself in an encounter with someone who is different.” He added elsewhere, “The complementarity of man and woman …  is being questioned by the so-called gender ideology in the name of a more free and just society,” and stressed, “The differences between man and woman are not for opposition or subordination, but for communion and generation” (June 8, 2015). Rather than leading to a more free and just society, in other words, gender ideology hinders communion and generation between men and women. It’s a “step backwards,” because “the removal of [sexual] difference in fact creates a problem, not a solution” (April 15, 2015).
 
When the natural, complementary duality of man and woman is called into question, the very notion of being — what it means to be human — is undermined. The body no longer is a defining element of humanity. The person is reduced to spirit and will and the human being almost becomes an abstraction until one discerns what nature one is or chooses what gender one wants to be. Pope Francis is particularly concerned about gender ideology being taught to children, so that boys and girls are encouraged to question, at the earliest ages of existence, whether they are a boy or girl and are told that gender is something one can choose (July 27, 2016). He has also expressed concern about cultural pressure, what he terms “ideological colonization,” being placed on countries, and cultures and individuals who resist this new and indeed radical anthropology.
 
So today at this event, we’re concerned with big and important questions about what it means to be human, what it means to be a woman, what is the best way to treat with compassion those whose self-identity does not correspond to their biological sex, how we should respond to challenges to impute the category of gender identity into legal protections based on sexual identity, and, within the Commission on the Status of Women, how best to protect and advance the cause and equality of women and girls.
 
I thank you for coming and joining the conversation.
 


Eccellenze, illustri esperti, cari amici,
 
Sono molto lieto di darvi il benvenuto all'evento di questa mattina sull'uguaglianza di genere e l'ideologia di genere e sulla necessità di proteggere le donne e le ragazze, che la Santa Sede è lieta di sponsorizzare, insieme alla Heritage Foundation.
 
Ogni anno il Consiglio economico e sociale ospita la Commissione sulla condizione femminile (CSW) per promuovere, riferire e monitorare le questioni relative ai diritti politici, economici, civili, sociali ed educativi delle donne. Quando la CSW ha iniziato a riunirsi per la prima volta nel 1947 a Lake Success, New York, c'era una chiara comprensione di cosa significasse essere una donna. Anche se nel corso dei successivi 62 anni, ci sono stati diversi dibattiti tra donne di diversi continenti e background su obiettivi e diritti delle donne e sui mezzi migliori per raggiungerle, tutti sapevano a chi si riferivano quando parlavano, per esempio, di uguaglianza di genere, violenza contro le donne, educazione delle ragazze o parità di retribuzione per lo stesso lavoro. Già nel 2011, quando è stata fondata l'entità delle Nazioni Unite per l'uguaglianza di genere e l'emancipazione femminile, nota anche come UN Women, tutti sapevano chi rappresentava e la cui causa cercava di avanzare: la metà circa della razza umana nata con la capacità di maternità, con due cromosomi X, con particolari tratti fisici, ormonali e relazionali che la distinguono dall'altra metà circa della razza umana, gli uomini.
 
Tale consenso è stato purtroppo eroso a causa del recente fenomeno dell'identità di genere e dell'ideologia di genere. Mentre prima tutti sapevano cosa significasse "donna" sulla base della sua natura corporea, oggi molti sostenitori dell'ideologia di genere affermano che la natura corporea non ha nulla a che fare intrinsecamente con la femminilità al di là di come il sesso viene "assegnato" alla nascita. La femminilità, piuttosto, è vista come il modo in cui si pensa a se stessi, o si esprime se stessi, e quindi, sostengono, coloro che si considerano donne devono essere trattati come donne, indipendentemente dalla natura biologica a livello cellulare, endocrinologico o riproduttivo, indipendentemente dalle caratteristiche sessuali primarie e secondarie, o altri fattori.
 
Questo modo di considerare la femminilità innanzitutto come un'autoidentità indipendente dalle considerazioni corporee è stato sollevato all'inizio di questa 63a Sessione della Commissione sulla condizione femminile nella dichiarazione rilasciata dal Core Group LGBTI, rilasciata dalla Rappresentante Permanente di Norvegia, l'Ambasciatrice Mona Juul. Nella dichiarazione si afferma che il Gruppo Centrale LGBTI - un gruppo informale interregionale di 28 Stati membri insieme all'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e alle ONG Human Rights Watch e Outright Action International - ha parlato esplicitamente di "persone transgender" i cui "nomi e dettagli sessuali nei documenti ufficiali non corrispondono alla loro identità o espressione di genere". Ha affermato di essere "pronta a lavorare con tutti i partner per garantire che tutte le donne e le ragazze - indipendentemente dal loro orientamento sessuale, identità di genere, espressione di genere e caratteristiche sessuali - abbiano un accesso adeguato e paritario ai sistemi di protezione sociale, ai servizi pubblici e alle infrastrutture sostenibili".
 
Il Gruppo Centrale LGBTI ha affermato che la comprensione di "donne e ragazze" dovrebbe essere basata sull'"identità o espressione di genere" piuttosto che sul loro sesso biologico. Questa comprensione della femminilità avrebbe probabilmente stupito i 15 membri originari della CSW nel 1947 e la maggior parte dei delegati che da allora hanno rappresentato qui ogni anno i loro governi e le ONG.
 
Mentre 62 anni fa non era necessario porre l'importante domanda preliminare, "Che cos'è la donna?", perché tutti avevano ovunque una comprensione chiara e univoca di ciò che questo significava, ora, quando questa comprensione è in discussione e molti cercano di stabilire un cambiamento fondamentale nel suo significato, la comunità internazionale deve chiederlo.
 
Il motivo è perché molto dipende dalla risposta, non solo in termini di diritto, educazione, economia, salute, sicurezza, sport, lingua e cultura, come sentiremo oggi dai nostri oratori - Mary Hasson, Emilie Kao, Monique Robles e Ryan Anderson - ma anche in termini di antropologia di base, dignità umana, diritti umani, matrimonio e famiglia, maternità e paternità, e la causa delle donne, degli uomini e soprattutto dei bambini. Sostituire l'identità di genere o l'espressione del sesso biologico ha enormi ramificazioni in tutti questi ambiti e per questo motivo dobbiamo, con cortesia e compassione, porre le domande forse scomode perché le risposte contano.
 
Papa Francesco, pur incoraggiando con forza i cattolici e tutte le persone di buona volontà a sostenere, accogliere, accompagnare e amare tutti coloro la cui identità di genere non corrisponde al loro sesso biologico, ad affermare la loro dignità umana e difendere i loro diritti umani fondamentali per essere liberi da violenza e ingiusta discriminazione (2 ottobre 2016), allo stesso tempo è stato molto chiaro sui pericoli per gli individui e la società derivanti dall'ideologia di genere.
Dice che i fondamenti antropologici dell'ideologia di genere, negando la "differenza e la reciprocità nella natura di un uomo e di una donna", promuovendo una "identità personale e intimità emotiva radicalmente separata dalla differenza biologica tra uomo e donna", rende l'identità umana "la scelta dell'individuo" e mina la "base antropologica della famiglia". Una cosa è "comprendere la debolezza umana e la complessità della vita", continua, "e un'altra accettare ideologie che cercano di dissipare quelli che sono aspetti inseparabili della realtà". Siamo chiamati, ha sottolineato, "a proteggere la nostra umanità, e questo significa, in primo luogo, accettarla e rispettarla così come è stata creata" (Amoris Laetitia, 56). Il nostro sesso, così come i nostri geni, la nostra razza, la nostra epoca e altre caratteristiche naturali, sono scelte oggettive, non soggettive.
 
Nella sua enciclica su Care for our Common Home, Laudato Sì', che è diventato forse il documento papale più citato nella storia delle Nazioni Unite dal 2015 in previsione dell'Accordo di Parigi, ha detto: "L'accettazione del nostro corpo .... è vitale per accogliere e accettare il mondo intero come dono, ... mentre pensare di godere di un potere assoluto sul proprio corpo si trasforma, spesso in modo sottile, nel pensare di godere di un potere assoluto sulla creazione. Imparare ad accettare il nostro corpo, a prendersi cura di esso e a rispettarne il significato più completo, è un elemento essenziale di ogni autentica ecologia umana. Inoltre, valorizzare il proprio corpo nella sua femminilità o mascolinità è necessario se voglio essere in grado di riconoscermi in un incontro con qualcuno che è diverso". Ha aggiunto altrove: "La complementarietà dell'uomo e della donna.... è messa in discussione dalla cosiddetta ideologia di genere in nome di una società più libera e giusta" e ha sottolineato: "Le differenze tra uomo e donna non sono per l'opposizione o la subordinazione, ma per la comunione e la generazione" (8 giugno 2015). Piuttosto che portare ad una società più libera e giusta, in altre parole, l'ideologia del genere ostacola la comunione e la generazione tra uomini e donne. È un "passo indietro", perché "la rimozione della differenza [sessuale] crea di fatto un problema, non una soluzione" (15 aprile 2015).
 
Quando si mette in discussione la dualità naturale e complementare dell'uomo e della donna, la nozione stessa di essere - che cosa significa essere umano - viene minata. Il corpo non è più un elemento caratterizzante dell'umanità. La persona è ridotta a spirito e volontà e l'essere umano diventa quasi un'astrazione fino a quando non si discerne la natura che si è o si sceglie il genere che si vuole essere. Papa Francesco è particolarmente preoccupato per l'ideologia di genere che viene insegnata ai bambini, in modo che i ragazzi e le ragazze siano incoraggiati a mettere in discussione, fin dalla più tenera età della loro esistenza, se sono ragazzi o ragazze e si dice che il genere è qualcosa che si può scegliere (27 luglio 2016). Ha anche espresso preoccupazione per la pressione culturale, quella che egli definisce "colonizzazione ideologica", che viene posta sui paesi, sulle culture e sugli individui che si oppongono a questa nuova e radicale antropologia.
 
Così oggi a questo evento, ci occupiamo di grandi e importanti domande su cosa significa essere umani, cosa significa essere donna, qual è il modo migliore per trattare con compassione coloro la cui identità di sé non corrisponde al loro sesso biologico, come dovremmo rispondere alle sfide per imputare la categoria di identità di genere in protezioni legali basate sull'identità sessuale, e, all'interno della Commissione sullo status delle donne, come meglio proteggere e promuovere la causa e l'uguaglianza di donne e ragazze.
 
Vi ringrazio per essere venuti e per aver partecipato alla conversazione.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator

 

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list di cristiano cattolico. Conforme al Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196, per la tutela delle persone e e il rispetto del trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Vedi pagina per la privacy per i dettagli.
Per cancellarsi usare la stessa mail usata al momento dell'iscrizione.