Praedicator gratiae: Lettera del Santo Padre Francesco a Fra’ Gerard Francisco Timoner

stemma papa francesco 1Lettera del Santo Padre Francesco a Fra’ Gerard Francisco Timoner, O.P., Maestro Generale dell’Ordine dei Predicatori, per l’VIII Centenario della morte di San Domenico di Caleruega, 24.05.2021



Pubblichiamo di seguito la Lettera che il Santo Padre Francesco ha inviato a Fra’ Gerard Francisco Timoner, O.P., Maestro Generale dell’Ordine dei Predicatori, per l’VIII Centenario della morte di san Domenico di Caleruega:

Lettera del Santo Padre

To Brother Gerard Francisco Timoner, O.P.,
Master General of the Order of Preachers

Praedicator Gratiae: among the titles attributed to Saint Dominic, that of “Preacher of Grace” stands out for its consonance with the charism and mission of the Order he founded. In this year that marks the eight hundredth anniversary of Saint Dominic’s death, I gladly join the Friars Preachers in giving thanks for the spiritual fruitfulness of that charism and mission, seen in the rich variety of the Dominican family as it has grown over the centuries. My prayerful greetings and good wishes go to all the members of that great family, which embraces the contemplative lives and apostolic works of its nuns and religious sisters, its priestly and lay fraternities, its secular institutes and its youth movements.

In the Apostolic Exhortation Gaudete et Exsultate I expressed my conviction that “each saint is a mission, planned by the Father to reflect and embody, at a specific moment in history, a certain aspect of the Gospel” (No. 19). Dominic responded to the urgent need of his time not only for a renewed and vibrant preaching of the Gospel, but, equally important, for a convincing witness to its summons to holiness in the living communion of the Church. In the spirit of all true reform, he sought a return to the poverty and simplicity of the earliest Christian community, gathered around the apostles and faithful to their teaching (cf. Acts 2:42). At the same time, his zeal for the salvation of souls led him to form a corps of committed preachers whose love of the sacred page and integrity of life could enlighten minds and warm hearts with the life-giving truth of the divine word.

In our own age, characterized by epochal changes and new challenges to the Church’s evangelizing mission, Dominic can thus serve as an inspiration to all the baptized, who are called, as missionary disciples, to reach every “periphery” of our world with the light of the Gospel and the merciful love of Christ. In speaking of the perennial timeliness of Saint Dominic’s vision and charism, Pope Benedict XVI reminded us that “in the heart of the Church, a missionary fire must always burn” (Audience of 3 February 2010).

Dominic’s great call was to preach the Gospel of God’s merciful love in all its saving truth and redemptive power. As a student in Palencia, he came to appreciate the inseparability of faith and charity, truth and love, integrity and compassion. As Blessed Jordan of Saxony tells us, touched by the great numbers who were suffering and dying during a severe famine, Dominic sold his precious books and, with exemplary kindness established a center for almsgiving where the poor could be fed (Libellus, 10). His witness to the mercy of Christ and his desire to bring its healing balm to those experiencing material and spiritual poverty was to inspire the foundation of your Order and shape the life and apostolate of countless Dominicans in varied times and places. The unity of truth and charity found perhaps its finest expression in the Dominican school of Salamanca, and particularly in the work of Friar Francisco de Vitoria, who proposed a framework of international law grounded in universal human rights. This in turn provided the philosophical and theological foundation for the heroic efforts of Friars Antonio Montesinos and Bartolomé de Las Casas in the Americas, and Domingo de Salazar in Asia to defend the dignity and rights of the native peoples.

The Gospel message of our inalienable human dignity as children of God and members of the one human family challenges the Church in our own day to strengthen the bonds of social friendship, to overcome unjust economic and political structures, and to work for the integral development of every individual and people. Faithful to the Lord’s will, and prompted by the Holy Spirit, Christ’s followers are called to cooperate in every effort “to give birth to a new world, where all of us are brothers and sisters, where there is room for all those whom our societies discard, where justice and peace are resplendent” (Fratelli Tutti, 278). May the Order of Preachers, now as then, be in the forefront of a renewed proclamation of the Gospel, one that can speak to the hearts of the men and women of our time and awaken in them a thirst for the coming of Christ’s kingdom of holiness, justice and peace!

Saint Dominic’s zeal for the Gospel and his desire for a genuinely apostolic life led him to stress the importance of life in common. Again, Blessed Jordan of Saxony tells us that, in founding your Order, Dominic significantly chose “to be called, not sub-prior, but Brother Dominic” (Libellus, 21). This ideal of fraternity was to find expression in an inclusive form of governance, in which all shared in the process of discernment and decision-making, in accordance with their respective roles and authority, through the system of chapters at all levels. This “synodal” process enabled the Order to adapt its life and mission to changing historical contexts while maintaining fraternal communion. The witness of evangelical fraternity, as a prophetic testimony to God’s ultimate plan in Christ for the reconciliation and unity of the entire human family, remains a fundamental element of the Dominican charism and a pillar of the Order’s effort to promote the renewal of Christian life and the spread of the Gospel in our own time.

Together with Saint Francis of Assisi, Dominic understood that the proclamation of the Gospel, verbis et exemplo, entailed the building up of the entire ecclesial community in fraternal unity and missionary discipleship. The Dominican charism of preaching overflowed early into the establishment of the varied branches of the larger Dominican family, embracing all the states of life in the Church. In succeeding centuries, it found eloquent expression in the writings of Saint Catherine of Siena, the paintings of Blessed Fra Angelico and the charitable works of Saint Rose of Lima, Blessed John Macias and Saint Margaret of Castello. So too, in our own time it continues to inspire the work of artists, scholars, teachers and communicators. In this anniversary year, we cannot fail to remember those members of the Dominican family whose martyrdom was itself a powerful form of preaching. Or the countless men and women who, imitating the simplicity and compassion of Saint Martin de Porres, have brought the joy of the Gospel to the peripheries of societies and our world. Here I think in particular of the quiet witness given by the many thousands of Dominican tertiaries and members of the Dominican Youth Movement, who reflect the important and indeed indispensable role of the laity in the work of evangelization.

On the Jubilee of the birth of Saint Dominic into eternal life, I would like in a particular way to express gratitude to the Friars Preachers for the outstanding contribution they have made to the preaching of the Gospel through the theological exploration of the mysteries of the faith. By sending the first friars to the emerging universities in Europe, Dominic acknowledged the vital importance of providing future preachers with a sound and solid theological formation based on sacred Scripture, respectful of the questions posed by reason, and prepared to engage in disciplined and respectful dialogue in the service of God’s revelation in Christ. The Order’s intellectual apostolate, its numerous schools and institutes of higher learning, its cultivation of the sacred sciences and its presence in the world of culture have stimulated the encounter between faith and reason, nurtured the vitality of the Christian faith and advanced the Church’s mission of drawing minds and hearts to Christ. In this regard too, I can only renew my gratitude for the Order’s history of service to the Apostolic See, which dates back to Dominic himself.

During my visit to Bologna five years ago, I was blessed to spend some moments in prayer before the tomb of Saint Dominic. I prayed in a special way for the Order of Preachers, imploring for its members the grace of perseverance in fidelity to their founding charism and to the splendid tradition of which they are heirs. In thanking the Saint for all the good that his sons and daughters accomplish in the Church, I asked, as a particular gift, for a considerable increase of priestly and religious vocations.

May the celebration of the Jubilee Year shower an abundance of graces upon the Friars Preachers and the entire Dominican family, and usher in a new springtime of the Gospel. With great affection, I commend all taking part in the Jubilee celebrations to the loving intercession of Our Lady of the Rosary and your patriarch Saint Dominic, and cordially impart my Apostolic Blessing as a pledge of wisdom, joy and peace in the Lord.

FRANCIS

Rome, from Saint John Lateran, 24 May 2021

© http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino.html - 24 maggio 2021




A Fra’ Gerard Francisco
Timoner, O.P.,
Maestro Generale
dell’Ordine dei Predicatori

Praedicator Gratiae: tra i titoli attribuiti a san Domenico, quello di “Predicatore di Grazia” spicca per la sua consonanza con il carisma e la missione dell’Ordine da lui fondato. In questo anno, in cui ricorre l’ottavo centenario della morte di san Domenico, mi unisco volentieri ai Frati Predicatori nel rendere grazie per la fecondità spirituale di quel carisma e quella missione, che si vede nella ricca varietà della famiglia Domenicana così come è cresciuta nei secoli. I miei oranti saluti e buoni auspici vanno a tutti i membri di questa grande famiglia, che abbraccia la vita contemplativa e le opere apostoliche delle sue suore e sorelle religiose, le sue fraternità sacerdotali e laiche, i suoi istituti secolari e i suoi movimenti giovanili.

Nell’Esortazione Apostolica Gaudete et exsultate ho espresso la mia convinzione che «Ogni santo è una missione; è un progetto del Padre per riflettere e incarnare, in un momento determinato della storia, un aspetto del Vangelo» (n. 19). Domenico rispose all’urgente bisogno del suo tempo non solo di una rinnovata e vibrante predicazione del Vangelo, ma anche, altrettanto importante, di una testimonianza convincente dei suoi inviti alla santità nella comunione viva della Chiesa. Nello spirito di ogni riforma autentica, egli cercò di ritornare alla povertà e semplicità della comunità cristiana dei primordi, riunita intorno agli apostoli e fedele al loro insegnamento (cfr. At 2, 42). Allo stesso tempo, il suo zelo per la salvezza delle anime lo portò a costituire un corpo di predicatori impegnati, il cui amore per la sacra pagina e integrità di vita potesse illuminare le menti e riscaldare i cuori con la verità donatrice di vita della parola divina.

Nel nostro tempo, caratterizzato da cambiamenti epocali e nuove sfide alla missione evangelizzatrice della Chiesa, Domenico può quindi servire da ispirazione a tutti i battezzati, i quali sono chiamati, come discepoli missionari, a raggiungere ogni “periferia” del nostro mondo con la luce del Vangelo e l’amore misericordioso di Cristo. Parlando delle linee temporali perenni della visione e del carisma di san Domenico, Papa Benedetto xvi ci ha ricordato che «nel cuore della Chiesa deve sempre bruciare un fuoco missionario» (Udienza generale, 3 febbraio 2010).

La grande vocazione di Domenico era quella di predicare il Vangelo dell’amore misericordioso di Dio in tutta la sua verità salvifica e potenza redentrice. Da studente a Palencia giunse ad apprezzare l’inscindibilità di fede e carità, verità e amore, integrità e compassione. Come ci racconta il beato Giordano di Sassonia, commosso dalle grandi moltitudini che stavano soffrendo e morendo durante una grave carestia, Domenico vendette i suoi preziosi libri e con gentilezza esemplare istituì un’elemosineria dove poter dare da mangiare ai poveri (Libellus, 10). La sua testimonianza della misericordia di Cristo e il suo desiderio di portarne il balsamo che guarisce a quanti vivevano la povertà materiale e spirituale avrebbe poi ispirato la fondazione del vostro Ordine e modellato la vita e l’apostolato di innumerevoli Domenicani in diversi tempi e luoghi. L’unità della verità e della carità trovò forse la sua più alta espressione nella scuola domenicana di Salamanca, e in particolare nell’opera di fra’ Francisco de Vitoria, che propose un quadro di diritto internazionale radicato in diritti umani universali. Questo a sua volta ha fornito la base filosofica e teologica per l’impegno eroico dei Frati Antonio Montesinos e Bartolomeo de Las Casas nelle Americhe, e Domingo de Salazar in Asia, per difendere la dignità e i diritti dei popoli nativi.

Il messaggio evangelico della nostra inalienabile dignità umana come figli di Dio e membri dell’unica famiglia umana sfida la Chiesa, oggi, a rafforzare i vincoli di amicizia sociale, superare le strutture economiche e politiche ingiuste e lavorare per lo sviluppo integrale di ogni individuo e popolo. Fedeli alla volontà del Signore e ispirati dallo Spirito Santo, i seguaci di Cristo sono chiamati a cooperare in ogni sforzo di «partorire un mondo nuovo, dove tutti siamo fratelli, dove ci sia posto per ogni scartato delle nostre società, dove risplendano la giustizia e la pace» (Fratelli tutti, n. 278). Possa l’Ordine dei Predicatori, oggi come allora, essere in prima linea di una rinnovata proclamazione del Vangelo, capace di parlare al cuore degli uomini e delle donne del nostro tempo e di risvegliare in loro una sete per la venuta del regno di Cristo di santità, giustizia e pace!

Lo zelo di san Domenico per il Vangelo e il suo desiderio di una vita autenticamente apostolica lo portarono a sottolineare l’importanza della vita in comune. Di nuovo, il beato Giordano di Sassonia ci narra che, nel fondare il vostro Ordine, Domenico significativamente scelse «di essere chiamato non sotto-priore, bensì Fra’ Domenico» (cfr. Libellus, 21). Questo ideale di fraternità avrebbe trovato espressione in una forma inclusiva di governo, in cui tutti partecipavano al processo di discernimento e di presa di decisioni, conformemente ai loro rispettivi ruoli e autorità, attraverso il sistema di capitoli a tutti i livelli. Questo processo “sinodale” permise all’Ordine di adeguare la sua vita e la sua missione a contesti storici mutanti pur mantenendo la comunione fraterna. La testimonianza della fraternità evangelica, come testimonianza profetica del disegno ultimo di Dio in Cristo per la riconciliazione nell’unità dell’intera famiglia umana, rimane un elemento fondamentale del carisma domenicano e un pilastro dell’impegno dell’Ordine a promuovere il rinnovamento della vita cristiana e diffondere il Vangelo nel nostro tempo presente.

Con san Francesco d’Assisi, Domenico comprese che la proclamazione del Vangelo, verbis et exemplo, implicava il crescita dell’intera comunità ecclesiale nell’unità fraterna e nel discepolato missionario. Il carisma domenicano della predicazione sfociò ben presto nell’istituzione dei diversi rami della grande famiglia Domenicana, abbracciando tutti gli stati di vita nella Chiesa. Nei secoli successivi trovò eloquente espressione negli scritti di santa Caterina da Siena, nei dipinti del beato Fra Angelico e nelle opere caritative di santa Rosa da Lima, del beato Giovanni Macías e di santa Margherita da Castello. Così, anche ai tempi nostri continua a ispirare il lavoro di artisti, studiosi, insegnanti e comunicatori. In questo anno di anniversario, non possiamo non ricordare quei membri della famiglia Domenicana il cui martirio è stato di per sé una forma potente di predicazione. O gli innumerevoli uomini e donne che, imitando la semplicità e compassione di san Martino de Porres, hanno portato la gioia del Vangelo nelle periferie delle società e del nostro mondo. Penso qui in particolare alla testimonianza silenziosa offerta dalle molte migliaia di terziari Domenicani e dai membri del Movimento Giovanile Domenicano, che rispecchiano l’importante e di fatto indispensabile ruolo dei laici nell’opera di evangelizzazione.

Nel giubileo della nascita di san Domenico alla vita eterna, vorrei in modo particolare esprimere gratitudine ai Frati Predicatori per lo straordinario contributo che hanno dato alla predicazione del Vangelo attraverso l’esplorazione teologica dei misteri della fede. Mandando i primi frati nelle nascenti università in Europa, Domenico riconobbe l’importanza vitale di dare ai futuri predicatori una sana e solida formazione teologica basata sulla sacra Scrittura, rispettosa delle domande poste dalla ragione e preparata a impegnarsi in un dialogo disciplinato e rispettoso al servizio della rivelazione di Dio in Cristo. L’apostolato intellettuale dell’Ordine, le sue numerose scuole e istituti di studi superiori, il suo coltivare le scienze sacre e la sua presenza nel mondo della cultura hanno stimolato l’incontro tra fede e ragione, nutrito la vitalità della fede cristiana e promosso la missione della Chiesa di attirare menti e cuori a Cristo. Anche a questo riguardo non posso che rinnovare la mia gratitudine per la storia dell’Ordine di servizio alla Sede Apostolica, risalente allo stesso Domenico.

Durante la mia visita a Bologna cinque anni fa, ho avuto la benedizione di trascorrere alcuni momenti in preghiera davanti alla tomba di san Domenico. Ho pregato in modo speciale per l’Ordine dei Predicatori, implorando per i suoi membri la grazia della perseveranza nella fedeltà al loro carisma fondazionale e alla splendida tradizione della quale sono eredi. Ringraziando il Santo per tutto il bene che i suoi figli e le sue figlie compiono nella Chiesa, ho chiesto, come dono particolare, un considerevole aumento di vocazioni sacerdotali e religiose.

Possa la celebrazione dell’Anno Giubilare riversare un’abbondanza di grazie sui Frati Predicatori e sull’intera famiglia Domenicana, e inaugurare una nuova primavera del Vangelo. Con grande affetto, affido tutti coloro che partecipano alle celebrazioni giubilari all’amorevole intercessione di Nostra Signora del Rosario e del vostro patriarca san Domenico, e imparto di cuore la mia Benedizione Apostolica come pegno di saggezza, gioia e pace nel Signore.

Francesco

Roma, da San Giovanni in Laterano, 24 maggio 2021

© Osservatore Romano - 24-25 maggio 2021