Recita del Rosario presieduta dal Santo Padre Francesco a conclusione della “maratona” di preghiera per invocare la fine della pandemia

Papa Francesco giardini vaticaniAlle ore 17.45 di questo pomeriggio, presso i Giardini Vaticani, il Santo Padre Francesco ha presieduto la recita del Santo Rosario davanti all’immagine della Vergine Maria che scioglie i nodi a conclusione della maratona di preghiera dal tema “Da tutta la Chiesa saliva incessantemente la preghiera a Dio” (At 12,5) per invocare la fine della pandemia e la ripresa delle attività sociali e lavorative.

 

L’iniziativa, nata per desiderio del Papa, è stata promossa dal Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione e ha coinvolto trenta santuari mariani di tutto il mondo che, a turno, hanno guidato ogni giorno del mese di maggio, tradizionalmente mese mariano, la preghiera del Rosario per tutta la Chiesa. La maratona di preghiera era stata aperta lo scorso 1° maggio dal Santo Padre presso la Madonna del Soccorso, nella Cappella Gregoriana della Basilica Vaticana.

La preghiera del Rosario ha avuto inizio con la processione solenne nei Giardini Vaticani del dipinto della Vergine Maria che scioglie i nodi, copia dell’originale presente in Germania nella Chiesa di St. Peter am Perlach, realizzato dall’artista Ana Maria Betta de Berti che ne ha fatto dono al Santo Padre per la sua devozione particolare proprio per questa immagine della Madonna.

L’immagine della Vergine Maria è stata portata in processione dai bambini della parrocchia di Santa Maria della Grotticella di Viterbo che hanno ricevuto la prima Comunione, dai ragazzi cresimati della parrocchia di San Domenico di Guzmán, da un gruppo scout di Roma, da alcune famiglie e da alcune religiose in rappresentanza dell’intero popolo di Dio. La processione è stata animata dal coro della diocesi di Roma e dal Complesso Bandistico di Arcinazzo Romano.

Si sono alternati nella preghiera alcuni giovani dell’Azione Cattolica, famiglie composte da neo-sposi o in attesa di un bambino e una famiglia di persone sorde dove è nata una vocazione religiosa.

Al termine della preghiera del Rosario, dopo la cerimonia di incoronazione dell’immagine della Madonna e la benedizione finale, Papa Francesco ha pronunciato alcune parole di saluto e di ringraziamento, facendo riferimento proprio all’immagine della Vergine Maria che scioglie i nodi. Quindi il Papa ha lasciato i Giardini Vaticani e, in auto, è rientrato a Casa Santa Marta.

Pubblichiamo di seguito le parole che il Santo Padre ha pronunciato a conclusione della maratona di preghiera per invocare la fine della pandemia:

Parole del Santo Padre:

Al termine di questa maratona di preghiera per chiedere la fine della pandemia e la piena ripresa della vita pastorale e sociale, mi fa piacere ringraziare in modo particolare il Dicastero per la Nuova Evangelizzazione e i trenta Santuari che nel corso di questo mese si sono alternati nell’animazione della preghiera del Rosario sotto la presidenza dei singoli Vescovi.

Ho visto tanta partecipazione tra il popolo di Dio, che attraverso i mezzi di comunicazione e l’impegno di tanti Santuari sparsi per il mondo ha raggiunto milioni di persone, che a una sola voce hanno innalzato la loro preghiera alla Santa Madre di Dio.

È grazie alla Diocesi di Augsburg che viene l’immagine della Knotenlöserin [“che scioglie i nodi”], oggi venerata in questo santuario all’aperto in una bella copia realizzata dalla pittrice Ana Maria Berti.

Continuiamo a chiedere al Signore che protegga il mondo intero dalla pandemia e che a tutti, senza esclusione di sorta, sia data presto la possibilità di mettersi al riparo attraverso il vaccino.

Buonasera, grazie e pregate per me.

© http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino.html - 31 maggio 2021